Sostituzione Caldaia Ferroli con ecobonus

Approfitta dell'Ecobonus 2022 per sostituire la caldaia, lo scaldabagno o il climatizzatore. Potrai usufruire degli incentivi fiscali del 65% o del 50% con sconto immediato in fattura e dell'IVA agevolata al 10%. Ecco tutto quello che c'è da sapere per rinnovare i tuoi impianti spendendo la metà (ed oltre).

Sostituzione caldaia Ferroli con Ecobonus: i vantaggi di una caldaia Ferroli

Se siete alla ricerca di una nuova caldaia, potreste chiedervi se sostituire la vostra caldaia con una caldaia Ferroli sia la scelta giusta per voi. Le caldaie Ferroli presentano molti vantaggi rispetto alle caldaie tradizionali, tra cui efficienza, affidabilità e facilità d’uso.

Ecco alcuni esempi:

  1. Le caldaie Ferroli sono estremamente efficienti dal punto di vista energetico e consentono di risparmiare sulle bollette mensili
  2. Sono anche molto silenziose, quindi non saranno disturbate da alcun rumore durante il funzionamento
  3. Le caldaie Ferroli hanno una grande capacità idrica, che consente di fare bagni e docce senza rimanere senza acqua calda
  4. Le caldaie sono inoltre coperte da una garanzia di cinque anni, per darvi la tranquillità di sapere che il vostro investimento è protetto
  5. Se qualcosa non va con la vostra caldaia, il nostro team di esperti è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per aiutarvi a risolvere il problema nel più breve tempo possibile

Detrazione ed Ecobonus per la sostituzione della caldaia Ferroli

La sostituzione di una vecchia caldaia può essere un’impresa costosa, ma esistono alcune detrazioni che possono aiutare a compensare i costi. Lo stato Italiano offre periodicamente crediti d’imposta o sconti per l’efficienza energetica. 

Anche se ogni situazione è diversa, queste detrazioni possono contribuire ad alleggerire l’onere finanziario della sostituzione di una vecchia caldaia.

Richiedi incentivi ora!

Domus Ferroli

Via Tripoli, 55
00139 Roma
P.IVA 14564341007

7 GIORNI NO STOP

Incentivi fiscali per sostituzione caldaie fino al 65% e Iva agevolata al 10%

Negli ultimi anni, precisamente a partire dal 2007, le Leggi di Bilancio hanno sancito delle precise agevolazioni fiscali per coloro che si apprestano a compiere opere di ristrutturazione e di riqualificazione/miglioramento energetico della propria casa o azienda. Il riferimento è relativo all’Ecobonus 2022 e al suo Bonus Casa, confermati per tutto il 2022.

Ma in cosa consistono questi incentivi e sgravi fiscali? L’Ecobonus 2022 consente di usufruire di detrazioni fiscali fino al 65% per le spese legate alla riqualificazione energetica degli impianti e degli appartamenti, mediante la sostituzione delle vecchie caldaie con modelli più recenti ed eco sostenibili o con l’installazione dei pannelli solari.

Oltre agli incentivi fino al 65%, l’Ecobonus 2022 prevede altresì la possibilità di usufruire dell’IVA agevolata sull’acquisto di una nuova caldaia o scaldabagno e di un ulteriore 10% sulla messa in opera del nuovo impianto.

Riqualificazione impianto di riscaldamento, come risparmiare fino al 65% con l'Ecobonus 2022

La Legge di Bilancio del 2021 consente ai contribuenti di poter avere una detrazione fiscale pari al 65% per l’ammodernamento dell’impianto di riscaldamento. Naturalmente, esistono delle condizioni precise da ottemperare affinché il bonus venga erogato, ovvero:

  • il vecchio impianto deve essere sostituito con un modello di caldaia a condensazione di classe energetica A almeno, così come stabilito dal Regolamento EU 811/2013;
  • ogni calorifero dell’abitazione deve essere dotato di valvole termostatiche;
  • è obbligatoria l’installazione di un impianto di termoregolazione avanzato di classe V, VI o VII, così come stabilito dalla Commissione 2014/C 207/02;
  • i lavori di messa in opera devono essere realizzati da azienda qualificata e certificata;
  • la relazione dei lavori per la riqualificazione dell’impianto termico deve essere inviata all’ENEA nei tempi e nei modi stabiliti dalla legge.

Ristrutturazioni edilizie ed installazione nuovi impianti: agevolazioni al 50%

Chi ha intenzione di ristrutturare un immobile e/o installare un nuovo impianto, può avvantaggiarsi delle detrazioni IRPEF del 50% previste dalla Legge di Bilancio 2021. Tale detrazione è valida in particolar modo per la sostituzione di vecchi climatizzatori, scaldabagni e caldaie con modelli più recenti ed eco sostenibili. Per ciò che concerne la sostituzione delle caldaie, si può ottenere la detrazione IRPEF anche se si sta acquistando una caldaia non a condensazione: l’importante è che sia un modello che garantisca un alto rendimento termico e minori emissioni. Attenzione, però: le detrazioni IRPEF possono essere erogate entro il limite dei 96mila euro per ogni unità abitativa.

IVA agevolata al 10% con Domus Caldaie Ferroli

Se acquisti un nuovo modello di caldaia presso il nostro showroom, puoi usufruire altresì dell’IVA agevolata al 10%, al quale va aggiunto un ulteriore vantaggio, ovvero l’IVA agevolata al 10% relativa al servizio della messa in posa dell’impianto.

Quanto si può risparmiare con l'IVA agevolata?

Al risposta è: tanto! Ebbene, se devi cambiare il tuo parco impianti, questo è davvero il momento giusto! Facciamo assieme un esempio per capire concretamente quanto si può risparmiare. Mettiamo il caso che tu abbia acquistato una caldaia a condensazione e necessiti della messa in opera dell’impianto: in tutto pagheresti 1000 euro, di cui 800 euro per la caldaia e 200 euro per la manodopera. Considera che l’IVA agevolata è al 10% sulla manodopera, ma per quanto riguarda gli 800 euro dell’acquisto della caldaia, questa va considerata sulla differenza fra il costo totale dell’intervento e il valore effettivo del bene: dunque su 200 euro (1000-800). Sui restanti 600 euro l’IVA va calcolata normalmente al 22%.

Se devi rinnovare i tuoi impianti, contattaci subito: un membro del nostro staff tecnico ti risponderà in pochissimo tempo e ti darà tutte le informazioni che desideri!